Bandiere, tamburi, abiti bellissimi. E ancora sguardi, voci, canti, narrazioni, luci e ombre.

La Cavalcata dell’Assunta si è ripresa piazza del Popolo venerdì sera, per una grande cerimonia di apertura della quarantesima edizione. Un evento ricco di emozione, visibile negli occhi dei protagonisti che sono tornati ad indossare con orgoglio i costumi del XV secolo riposti per troppo tempo, tra la paura e l’incertezza che hanno caratterizzato i mesi passati.

La soddisfazione del regista Adolfo Leoni, consapevole di aver centrato un obiettivo importante, che dà il via a tanto altro: “Pubblico impressionato, una grande prova da parte di tutti. Ci abbiamo creduto e abbiamo osato, possibile grazie ad un impegno corale. Ed è solo l’inizio. Il mio ringraziamento in particolare a Cristian Cinelli, Marco Mannucci e Maria Pauri”.

Una serata speciale, una cerimonia davvero sentita – aggiunge il vice sindaco e delegato alla Cavalcata Mauro Torresila Cavalcata dell’Assunta mancava da tempo ed è tornata alla grande”.

Con i dieci capi contrada e il magistrato affacciati da Palazzo dei Priori e le dame da quello della Biblioteca, con gli sbandieratori e i tamburini della Cernita tornati ad esibirsi, con le splendide voci della Corale della Cavalcata dell’Assunta guidate dal M° Maria Pauri, si è dato l’avvio al periodo più bello dell’anno, in cui le atmosfere medievali della rievocazione storica avvolgono il cuore della città.

Ed è solo l’inizio, per dirla con Leoni. Domani sera, domenica 1 agosto, alle 21.30, arriva il tanto atteso drappo, quello del 2021 firmato da Massimiliano Berdini, artista fermano e presidente dell’Associazione Ex Allievi del Preziotti. Ad ospitare l’arrivo del palio sarà stavolta Porta Santa Caterina, con via Brunforte, per l’organizzazione dell’evento affidata alle contrade Pila e Torre di Palme.

Nessuna limitazione per l’accesso domani e lunedì 2 agosto per la lettura del bando a Torre di Palme, ma i volontari delle contrade in pettorina gialla gestiranno la presenza del pubblico per mantenere le condizioni di sicurezza.



Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail