Kit Apuzzo, Simone Balà, Samuele Borraccini, Matteo Carboni, Alberto Indiveri, Matteo Lamponi, Andrea Malaspina, Mattia Orienti, Stefano Polci, Francesco Rossi, Paolo Vallesi.

Ecco gli 11 forzuti della contrada San Bartolomeo che ieri, ormai alle 2 di notte, hanno conquistato la 31esima edizione del Tiro al Canapo, una delle gare più attese e partecipate tra i giochi storici in programma per la Cavalcata dell’Assunta.

I ragazzi sono stati a dir poco fantastici – dice il priore di San Bartolomeo Roberto Concettiin pedana hanno messo tutto, dai mesi di allenamento al vero e proprio cuore rossonero. Vederli quasi a terra, stremati, a pochi centimetri dalla sconfitta, rialzarsi e voler vincere a tutti i costi è stata un’emozione incontenibile. Il mio plauso va alla contrada Campolege e all’incommensurabile sportività degli atleti, come a quella delle altre contrade che in piazza hanno accolto i nostri ragazzi facendo comunque tutti festa”.

Sulla pedana allestita al Girfalco, lungo il vialone che conduce al Duomo, le dieci contrade si sono sfidate in una gara che ha tenuto incollato il pubblico fino a tarda ora: la finalissima tra San Bartolomeo e Campolege si è tenuta intorno all’1.30, di fronte agli spalti ancora gremitissimi.

Quindi primo posto per San Bartolomeo, secondo per Campolege (Eros De Santis, Stefano Ferracuti, Gianluca Germani, Emanuel Ladowski, Micheal Ladowski, Lorenzo Mancini, Alessandro Marmorè, Raffaello Parlatoni, Gianluca Polini, Simone Santarelli, Michele Severino, Giordano Sollini), terzo per Campiglione (Alessandro Alesiani, Emanuele Alesiani, Federico Alesiani, Fiorino Alesiani, Daniele Andrenacci, Matteo Alessio Gatta, Claudio Nasini, Brian Paradiso, Luciano Paradiso) e quarto posto per Pila (Federico Ambrogi, Rossano Biondi, Matteo Del Gatto, Jacopo Maria Iacoponi, Alessandro Iagatti, Paolo Macchiati, Andrea Poggi, Matteo Salvatori).

10 squadre, 11 atleti ognuna, 6 i tiratori chiamati in pedana, che non possono superare il peso complessivo di 550 chilogrammi + 1, 32 metri di corda per una competizione che è entrata nella storia della Cavalcata dell’Assunta nel 1986. Con la voce del regista Oberdan Cesanelli a fare come sempre da filo conduttore della serata, la competizione è stata arbitrata da Antonio Bovina e Luciana Angelini della Federazione Nazionale Tiro alla Fune. La Angelini, come ricordato da Cesanelli, è giudice internazionale e arbitrerà i prossimi mondiali in Svezia. A sovrintendere le operazioni di “pesa” degli atleti il Vice Presidente Leonello Alessandrini e Marco Marziali, alla presenza del Presidente Onorario Silvio Dionea.

Non è voluta mancare ed ha raggiunto il Girfalco per assistere al tiro al canapo il Prefetto Mara Di Lullo, affiancata dal Sindaco Paolo Calcinaro e dall’Assessore Alberto Maria Scarfini, che hanno premiato i vincitori.

E ora ci si concentra sul clou del programma: venerdì 12 la Tratta dei Barberi, domenica 14 il corteo storico in notturna e il 15 il giorno della Corsa al Palio. Intanto domani sera, durante il mercatino del giovedì, dalle 21.30 la lettura del bando in quattro punti del centro storico.



Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail