Investitura dei Priori

il primo grande evento del programma della 35^ edizione della Cavalcata dell’Assunta è l’investitura dei Gonfalonieri e dei Priori di contrada, che si è tenuta nella Chiesa Cattedrale di Fermo domenica 15 maggio alle ore 21.30.
Un momento solenne, ricco di coinvolgimento e di emozione, che è stato officiato da Don Michele Rogante, delegato dell’Arcidiocesi presso il Consiglio di Cernita.
Durante la cerimonia il Podestà consegna il gonfalone ai gonfalonieri, mentre ai priori il medaglione che conferisce loro il potere sulla contrada.
Inoltre, è compito del Priore della contrada vincitrice della Corsa al Palio dell’anno scorso pronunciare il giuramento.
Già dal 2015 l’investitura dei Priori delle Contrade si tiene in una data distante nel tempo dal giorno dalla Cavalcata dell’Assunta, quest’anno il 15 maggio, e non più in piazza del Popolo ma nel Duomo di Fermo. La scelta è caduta sul giorno di Pentecoste. Per i Priori, quindi, si chiederà il dono di Dio dall’alto, perché possano svolgere il loro compito con saggezza e nella promozione di ogni occasione di crescita per tutti.
Inoltre, la cerimonia dell’investitura con la benedizione avverranno nella Chiesa Cattedrale che è dedicata alla Madonna Assunta in Cielo: i Priori in quella chiesa particolare, sede dell’Arcivescovo, centro nevralgico di unità della città e dell’intera Arcidiocesi, vengono scelti e benedetti per un servizio che li richiama a compiere fino in fondo il loro dovere di guida delle contrade, sempre ricercando ciò che unisce.
Infine, l’investitura avviene a maggio, mese che la devozione della Chiesa dedica a Maria, che è poi il vero motivo per cui tutta la tradizione del Palio è nata e si è sviluppata nei secoli: l’omaggio a Maria e la richiesta della sua materna intercessione sono la ragione per la quale i Priori si recano in Duomo.